Adama – Telos II – Capitolo 14 – Di Adama

Cari fratelli e sorelle! IO SONO ADAMA!

Continuando il nostro viaggio, oggi commenteremo il capitolo 14 del libro II di Telos.

In questo capitolo si parla di due importanti ghiandole del vostro corpo: la pituitaria e la pineale. Molti si chiedono perché alcuni fratelli e sorelle hanno un contatto facile con gli Esseri di Luce e altri no; il percorso di ogni anima è definito al momento della sua creazione. Ogni anima è creata per uno scopo. Nessuna anima viene creata senza uno scopo.

Alcune anime sono speciali: sono anime che intraprendono missioni interstellari, che si fanno avanti per far parte di eserciti, per lavorare direttamente nelle battaglie contro la non-Luce. Per questo sono preparate per tutta la loro esistenza al momento della missione. Ma in nessun momento c’è un’anima inferiore e un’anima superiore; ci sono scopi diversi.

Molte persone si chiedono: “Per cosa sono venuto in questa incarnazione, qual è lo scopo della mia anima?”. E molti non riescono a trovare una risposta. Perché? Perché fondamentalmente si confrontano con altre anime più evolute. E dal momento in cui viene fatto il confronto, l’ego inizia a scatenare la sensazione che… “Non sei niente, cosa hai fatto, dove sei importante?” e allora si comincia a pensare di essere davvero inferiori, di essere venuti qui per una passeggiata, come molti di voi dicono.

Perciò vi darò alcuni esempi delle funzioni delle anime: coloro che vengono per ospitare nuove anime; per essere madri o padri di anime importanti, perché devono saperle allevare, educare affinché diventino ciò che sono state create per essere; molti vengono per prendersi cura degli animali; molti vengono per portare la pace tra un popolo; molti vengono per servire, ma per servire con il cuore senza sminuirsi per questo. Quindi posso dire a ciascuno di voi che le vostre anime non sono venute qui per niente. Ogni anima ha uno scopo quando si incarna. E ogni anima frattale, ovunque si trovi, adempirà allo stesso scopo; in modi diversi, ma adempirà allo stesso scopo.

Nessuno è inferiore a nessun altro, né come essere umano né come anima. Cosa si dice dunque in questo capitolo? Che molto presto tutti coloro che proseguono nel cammino di ascensione riacquisteranno i loro poteri animici innati. Tutte le anime hanno dei poteri. Nel corso del tempo, con le incarnazioni che avete avuto e con l’intero processo di dualità, questi poteri sono stati oscurati o sono stati creati ostacoli per farli agire. Ma ci sono. Appartengono all’anima. Il frattale ha gli stessi poteri dell’anima.

Molti oggi hanno già i loro poteri attivi, altri sono solo all’inizio. Ma qualcuno è superiore per questo? No, non lo è. Diciamo solo che molti sono venuti in missione per essere un po’ più avanti, per essere in grado di attrarre quelli che vengono dietro. Quindi non pensate di essere inferiori a coloro che oggi hanno un contatto diretto con gli Esseri di Luce, perché tutti voi avete questo contatto. Non riuscite a farlo perché non credete. Non ci riuscite perché non vi allenate. Non ci riuscite perché pensate di non essere degni.

Il giorno in cui accetterete di essere uguali a tutti gli altri e di poter avere questo contatto, lo avrete. Perché è lì, innato nella vostra anima. Non state facendo nulla per ottenere qualcosa di nuovo. Quello che state facendo è sbloccare qualcosa che vi è stato impedito di agire. Ed è questo che fa la Luce in arrivo. Ed è qui che entrano in gioco le ghiandole di cui ho parlato all’inizio. La ghiandola pineale della maggior parte della civiltà umana è praticamente una pietra, perché nel cibo sono state inserite sostanze che calcificano questa ghiandola. Cosa succede a una ghiandola calcificata? Quasi si esaurisce l’energia necessaria per la telepatia, per il contatto con gli esseri. È la porta d’accesso alla comunicazione con il vostro Sé Superiore e da lì con tutti gli altri esseri.

Che cosa sta facendo la Luce? Sta decalcificando questa ghiandola. Bombarda costantemente questa ghiandola affinché torni a essere quella che era un tempo. Il processo è rapido? No, non lo è, perché ci vogliono millenni, millenni e millenni per calcificare questa ghiandola, e la decalcificazione deve essere proporzionale all’evoluzione dell’essere. Per chi non si è ancora risvegliato, l’intensità è minore. Perché? Perché dipende dalla sua volontà. Per coloro che sono svegli, l’intensità è massima, affinché possiate decalcificare questa ghiandola e possa servire al suo scopo, che è il contatto con l’astrale.

Molti di voi oggi hanno già questo contatto, ma non ci credono, pensano che sia qualcosa nella loro testa, nella loro mente. Iniziate quindi a credere in ciò che ricevete come pensieri e nelle vostre intuizioni. Quando arriverete a credere che non sono cose della mente, vedrete che il contatto esiste. Non facciamo distinzione su chi ci chiama, né noi né gli Esseri di Luce. Ogni persona che invoca il nostro nome o pensa a noi, la connessione è finalizzata; riceviamo e restituiamo. Sta a ciascuno di voi decidere come riceverlo.

Molti di voi ricevono direttamente la nostra comunicazione perché sono in questo viaggio. Noi, i Lemuriani, agiamo direttamente sui vostri cuori, dandovi forza, coraggio e aiuto in questo viaggio, mostrandovi alcune cose, aiutandovi a trovare la vostra strada. Quindi non pensate che siamo qui solo a parlare, parlare, parlare. Siamo tutti collegati a ciascuno di voi che sta facendo questo viaggio e stiamo trasmettendo a ciascuno di voi molto Amore e molta Luce, collaborando al processo di ascensione, collaborando alla decalcificazione della vostra ghiandola pineale.

Non temete nulla. I poteri appariranno nel momento in cui sarete pronti. Nulla accade prima del tempo. Non si possono avere tutti i poteri senza essere pronti a viverli. Molti dicono di vedere e lo fanno. Attenzione! Coloro che diffondono troppo la voce che vedono, che fanno e che ciò accade, di solito non è vero nulla di tutto ciò. I poteri appartengono a ciascun individuo. È l’ego che deve diffonderli, non la verità.

Quindi, se avete qualcosa che vi sta accadendo, che è vostro, non avete bisogno di pubblicarlo al mondo. Vivete il vostro momento, perché anche questo viene valutato e potete fare un passo indietro. Quindi ognuno viva il suo momento. Ognuno di voi aumenta l’intensità della Luce che passa in modo che tutto cominci a cambiare. Ed è in questo modo, andando sempre avanti, che riavrete i vostri poteri, ma ognuno a suo tempo, quando sarà pronto.

Vi dico che questi poteri spesso non sono piacevoli. Vedere; non sempre vedrete cose belle, ma non sempre sarete in grado di trasmetterle. Allora soffrirete da soli senza poter dire una parola, perché quello che vedete fa parte del viaggio dell’altro e non potete farci niente. È facile convivere con questo? Vi assicuro di no. Ci vuole molto Amore nel cuore e molta preparazione per accedere a tutto ciò che verrà.

Quindi siate pazienti perché tutto accadrà al momento giusto, al momento opportuno. E non pensate di avere poteri solo per il gusto di averli; questi poteri devono sempre essere applicati in nome dell’Amore, in nome della Luce, perché altrimenti lascerete il sentiero dell’ascensione per entrare in un altro sentiero in modo molto pericoloso.

La pulizia delle ghiandole viene effettuata mediante l’alimentazione, bevendo molta acqua ed emanando molto Amore. Più ve ne prendete cura, più il processo diventa veloce. Siete preparati più rapidamente. Abbiate fiducia e credete, tutto accadrà al momento giusto.

Traduzione Wanderson De Oliveira Souza

Revisione Filippo Pollini

Posts recentes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Minha Experiência

Carrello