Sananda – Osservate ciò che Vi Circonda

Cari figli e figlie del pianeta Terra! IO SONO SANANDA!

Ancora una volta il mio cuore è pieno di gioia per poter portare qualche parola, ma soprattutto tanto Amore a ognuno di voi.

Stiamo arrivando alla fine di questo ciclo. Non importa se il calendario in cui vivete è corretto o meno. È quello che vivete, è quello che comanda le eggregore del pianeta, è quello che comanda i cuori degli esseri umani. Quindi non c’è modo di dirvi ora, qui, di dimenticare tutto e di iniziare a considerare qualcos’altro.

Tutto è al tempo giusto. Tutto è al momento giusto. È solo importante che lasciate parlare il vostro cuore. Smettete di seguire quello che dicono gli altri. Smettete di seguire i dettami della società. Agite sempre secondo il vostro cuore; questo sarà sempre il modo migliore. Non lasciatevi trasportare dal consumismo. Non lasciatevi trasportare dalle regole.

Considerate le celebrazioni alla fine di questo ciclo come una grande opportunità per osservare ciò che vi circonda. Osservate attentamente il luogo in cui vivete. Chi c’è intorno a voi? Com’è il luogo in cui vivete? E no, non sto facendo paragoni. Ognuno è dove la sua anima lo ha portato, dove ha bisogno di essere. Ma guardate ciò che vi circonda. Che cosa vedete?

Vedete molta natura, poca natura o nessuna? Vedete molte case, molti vicini o nessuno. Vedete un cielo limpido e aperto o solo un po’. Cosa vedete intorno a voi? Allora vi dico che non è importante quello che vedete. La persona che vive in un paradiso, circondata dalla natura, che ha il cielo aperto intorno a sé, non è migliore o superiore della persona che vive ammassata. Non c’è superiorità in questo.

Molti di voi potrebbero dire: “Certo che c’è! Chi è lì, con la natura intorno a sé, ha una vita molto più comoda di me, che sono qui in questo cubicolo, circondato da un mucchio di persone!”. Non sto parlando delle finanze di nessuno, ma del cuore. La persona che vive in quella casa enorme, circondata dalla natura, ha un cuore? Non il cuore fisico, che ovviamente ha, ma lascia parlare il suo cuore? E voi che vi lamentate di quel cubicolo, fate parlare il vostro cuore? O siete entrambi estremamente grati per tutto ciò che avete ricevuto, per tutto ciò che avete? Oppure no, non vi ricordate di essere grati perché niente è buono.

Questo varia molto da persona a persona. Perciò vorrei dirvi che oggi, in questo percorso, chi ha buone condizioni economiche è uguale a chi non le ha. Chi ha buone condizioni economiche è uguale a chi non le ha, perché questo non è un peso, non è un fattore determinante, non vi mettete in prima fila, come molti pensano. Quando si entra nel sentiero dell’evoluzione, ci si spoglia di tutto ciò che è fisico. Camminate solo con il cuore; camminate con le vostre scelte; camminate con i vostri pensieri e le vostre azioni.

L’energia del denaro non serve a nulla, perché non ci saranno né corruzione, né concussione, né un posto migliore nella fila. Tutti percorrono lo stesso cammino, con gli stessi compiti, con gli stessi ostacoli. Ognuno deve superare tutti gli ostacoli del cammino, non importa se si è ricchi o poveri. Non importa se si è giovani o vecchi. Ciò che conta è il cuore. Ciò che conta è ciò che si prova in quel momento.

La persona che ha una casa enorme è grata per il cammino che l’ha portata lì? E voi che vivete in quel cubicolo, lamentandovi, siete mai stati grati anche voi? Almeno voi avete un posto dove vivere, ma che dire di chi non ha nulla? Siate certi che la vostra anima è probabilmente troppo dura, come dite voi, per imparare le cose. Se continuate a vivere nella scarsità, è perché le lezioni non sono state imparate, o perché non volete impararle. E forse chi si trova in quella casa enorme, circondata dalla natura, è riuscito a superare tutti gli ostacoli necessari, e l’abbondanza provvede solo a lui.

Si sbaglia? No. Voi avete torto? No. Ognuno ha scelto la propria strada, ognuno ha deciso di imparare o meno. Quindi non giudicate ciò che non conoscete. Se i vostri percorsi sono difficili, fermatevi a riflettere. Perché vi ostinate a non voler evolvere? Perché vi ostinate a ripetere gli stessi errori? La persona in quella bella casa, circondata dalla natura, forse non è così testarda, ma si è lasciata imparare, si è lasciata evolvere e l’universo ha provveduto a lei.

È così che funziona. È il cuore che comanda; sono i pensieri, le azioni e le evoluzioni a comandare. O forse voi, che vivete in questo cubicolo, avrete ancora bisogno di vivere in un cubicolo per molto tempo per imparare qualcosa; è così? Forse. Quindi, figli e figlie, non è il momento di confrontare chi ha di più e chi ha di meno. È il momento di analizzare. È il momento di guardarsi dentro e di accettare i propri errori; di accettare che si commettono ancora errori, e molti. Ora non si tratta di giudicarsi, di crocifiggersi perché si è commesso un errore; si tratta di prendere una decisione: “Voglio correggere i miei errori e non voglio commetterne altri!”. Perfetto. Questa è la strada per la vostra evoluzione e la vostra abbondanza.

Quindi, prima di sedervi, lamentarvi, piangere, profanare che voi non avete nulla e l’altra persona ha tutto, non paragonatevi a nessun altro. Ognuno è lì per i risultati dei suoi cammino dell’anima, per le sue scelte. Ognuno in questo universo ha la sua parte di abbondanza. Non è divisa in parti disuguali, quindi avete la vostra. Ora dovete fare in modo di raggiungerla, di riceverla. E come si fa? Essendo grati ogni giorno per ogni lezione, per ogni apprendimento, per ogni sfida.

Non si tratta di guardare la sfida, sedersi e piangere. Si tratta di superarla, di superarla e di essere sicuri di aver fatto un piccolo salto verso l’abbondanza. Guardate ciò che vi circonda. Cosa avete costruito? Questo è un momento di analisi, e qualsiasi cosa vediate intorno a voi, siatene grati, soprattutto se vi rendete conto di cosa vi ha portato dove siete. Le occasioni che avete sprecato, le sfide che non avete voluto superare, le persone che vi siete lasciati dominare, i pensieri che avete assunto dagli altri, i desideri che avete represso.

Pensateci. Pensate a tutto questo. E imparate che nessuno può dominare nessuno. Non lasciate che nessuno vi trattenga. Non usate gli altri come scudi per la vostra codardia. Tutti sono in grado di liberarsi, tutti hanno questo potere. Chi si lascia imprigionare fa una scelta, perché la libertà appartiene all’anima, a ogni essere. E come abbiamo detto ultimamente e sempre, chiedete il nostro aiuto per liberarvi, per farvi vedere il cammino, per farvi evolvere. Ma siate pronti, perché il cammino, il più delle volte, non è quello che volete. Il sentiero non è così facile, ha delle pietre. Ma l’importante è che ad ogni pietra rimossa, il salto è immenso.

Dunque, sappiate trovare le vostre strade. Guardate ogni pietra con amore e sicuramente cambierete tutto ciò che vi circonda. Non importa quanto tempo ci vorrà. Ciò che conta è che le vostre anime ha bisogno di evolversi. Sia in questa che nelle prossime incarnazioni. Non importa. Ciò che conta è che l’evoluzione sarà sempre il percorso di ogni anima.

Traduzido por Maria Rita Dos Santos Colavolpe

Posts recentes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Minha Experiência

Carrello